Comunità Montana Alto Canavese

Ti trovi in: Home Medioevo delle Alpi

Medioevo delle Alpi

Cuorgnè

Cuorgnè - vista aerea Il centro storico di Cuorgnè presenta ancora oggi una tipica foggia medievale, intorno alle vie Rivassola ed Arduino, dove si trova al n.27 un palazzotto nobiliare tre-quattrocentesco, impropriamente detto casa di re Arduino, con arcate di tipo gotico abbellite da decorazioni floreali (prese anche a modello dal D'Andrade per il borgo medioevale di Torino del Valentino) con porte e finestre decorate da fregi in cotto.

La Chiesa Parrocchiale di San Dalmazzo, originaria del XII secolo, si presenta oggi nella sua struttura ottocentesca, ma conserva in un'apposita cappella l'antica immagine miracolosa della Vergine di Rivassola, e numerosi altri lavori artistici di pregio.

Interessante anche la Chiesa della Trinità, oggi centro multimediale. Osservando la pianta del borgo si possono riconoscere agevolmente nel tessuto urbano verso oriente i bastioni che si erigevano a sua difesa in epoca medievale, che circondano tutto il centro storico, e mostrano a tratti larghe muraglie,talvolta in due o tre ordini sovrapposti. Lungo la bastionata corre ancora la strada periferica interna alle Mura, la cosiddetta Cursera, dalla quale di diramano i camminamenti pedonali.

Essendo stata Cuorgnè in passato sede di amministrazione della giustizia, le sentenze capitali venivano eseguite sotto i bastioni, nello slargo ancora oggi ricordato come Rondò della forca.

Il Museo Archeologico contiene importanti reperti, dalla preistoria all'epoca romana, ritrovati negli scavi in Alto Canavese ed un inquadramento della storia antica del territorio.
Importante esempio di archeologia industriale è quello della Manifattura cuorgnatese, oggetto di imponenti opere di restauro.

A Cuorgnè è ancora presente una antica forma di artigianato tradizionale: la lavorazione del rame, diffusa anche nei comuni di Valperga, Alpette e Pont.

 

Canischio

Canischio, nella verde valle del Gallenca, ha un'origine storica antichissima. La tradizione vuole che la marchesa Adelaide di Susa si sia ritirata qui per trascorrere gli ultimi anni della sua vita e che sia stata sepolta nell'antica chiesa di S.Stefano, oggi scomparsa insieme al castello che l'ospitò.

Il nucleo principale del borgo si stringe attorno al Campanile romanico della Parrocchia di S. Lorenzo.
Tra le escursioni la passeggiata verso Cima Mares, un valico naturale tra la valle del Gallenca e la media valle Orco.

 
Altri articoli...
Pagina 2 di 6