Comunità Montana Alto Canavese

Ti trovi in: Home Medioevo delle Alpi Un itinerario nella storia

Un itinerario nella storia

Itinerario La Comunità Montana Alto Canavese ha ideato ed attuato il progetto "MEDIOEVO DELLE ALPI", con il supporto dalla Regione Piemonte nell'ambito della Iniziativa Comunitaria INTERREG II.
Il progetto si propone la messa a livello del territorio frontaliero italiano sul piano dell'offerta turistica attraverso il potenziamento, la promozione e la gestione di un itinerario turistico- culturale basato sui patrimoni medioevali delle vallate alpine dell'Alto Canavese.

Il progetto ha innanzitutto consentito di effettuare alcuni interventi di restauro e recupero di edifici storici di grande importanza e di notevole suggestione dal punto di vista del turismo storico culturale: la Cappella di San Grato nel Comune di Canischio, la Chiesa del Carmine a Prascorsano e la Chiesa di Santa Croce a Sparone, collocata sulla celleberrima Rocca di Re Arduino. Questi interventi hanno consentito di arrestare il degrado strutturale che minacciava i monumenti, permettendo così la visita e la riscoperta dei luoghi, forse poco conosciuti dal grande pubblico ma che rappresentano significative vestigia della storia e dell'arte del periodo medievale del territorio.

Medioevo delle Alpi si ricollega inoltre idealmente ad un altro progetto di promozione turistica attuato dalla Comunità Montana Alto Canavese, l'Itinerario Arduinico, realizzato attraverso un Progetto Speciale Integrato con la Regione Piemonte, che metteva in rete una serie di luoghi legati alla memoria storica e mitica del Marchese d'Ivrea e Re d'Italia Arduino. Accanto agli interventi di restauro la Comunità montana ha predisposto azioni promozionali al fine di far conoscere al grande pubblico un interessante itinerario alla scoperta di chiese, abbazie, castelli, torri e fortificazioni, antichi centri storici del nostro territorio legate dal filo rosso del Medioevo.

Una proposta di circuito per il turismo culturale che ben si può integrare all'offerta di natura del territorio, fruibile con una rete estesa di stradine, viottoli e sentieri adatti ad ogni preferenza ed a tutte le età.
Tra questi, ricordo il Sentiero dei Tabernacoli che da Valperga conduce al Santuario di Belmonte, così chiamato per la presenza lungo il percorso di piloni votivi con affreschi delle scene dei 15 misteri del Rosario.

Da segnalare anche il Sentiero balcone che percorre lo spartiacque che chiude a monte la Val Gallenca, con partenza da Alpette sino alla vetta del Monte Soglio, con panorami mozzafiato sulla pianura e sulle più belle vette del Gran Paradiso ed il Sentiero del Gallo che conduce dalla frazione Ronchi Maddalena di Cuorgnè sino a Pratiglione, attraverso gli angoli più suggestivi della Val Gallenca.

Natura, storia, cultura, tradizioni, enogastronomia e prodotti tipici di qualità, sono questi i tesori che l'Alto Canavese vuole far scopri-re ai visitatori, offrendo loro un'ospitalità franca e cordiale.

Benvenuti.
Il presidente della Comunità Montana Alto Canavese